Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Segretariato Generale della Missione MCCJ

A Means of Communion and Sharing on Evangelisation and Mission

La teologia della missione dal Vaticano II ad oggi - The Theology of Mission from Vatican II to the Present Day

 La teologia della missione dal Vaticano II ad oggi - The Theology of Mission from Vatican II to the Present Day

L’articolo riassume le linee principali della riflessione teologica sulla missione a partire dal Concilio Vaticano II fino a metà degli anni '90. Gli elementi evidenziati sono: 1. la missione della 'Chiesa trae origine dalle «missioni» divine; 2. in quanto esito storico di esse, la Chiesa prende parte all'azione di Dio di creare un'umanità compiuta secondo il suo progetto; 3. nulla di quanto è costitutivo dell'umano è pertanto assente dalla missione della Chiesa, la quale ha quindi anche una dimensione politica; 4. se l'umano non viene negato, ma portato a compimento, quanto storicamente si è prodotto nella vita dei popoli non può che essere la forma che l'umano secondo Dio assume nei diversi contesti; perciò non c'è missione senza inculturazione; 5. nell'umano secondo Dio il fattore religioso occupa un posto singolare; perciò nella sua missione la Chiesa non può che entrare in dialogo con le tradizioni religiose che lo Spirito ha suscitato nella storia dei popoli, onde comprendere e nello stesso tempo far comprendere meglio il disegno di Dio; 6. Il soggetto chiamato ad attuare le missione è la Chiesa nelle sue varie forme di realizzazione, e in essa ognuno dei suoi membri, tra i quali un compito speciale tocca a coloro che il linguaggio tradizionale ha denominato «missionari», ha la responsabilità di prendere parte attiva all'annuncio del Vangelo, al dialogo con gli appartenenti ad altre fedi e alla prassi liberatrice.

 

The article sums up the main lines of theological reflection on Mission, from the Second Vatican Council up to the middle of the nineties. The elements that stand out following the research are: 1. The Church’s mission has its origin in the divine «missions»; 2. As regards their historical outcome, the Church participates in God's action of creating a humanity that is complete, along the lines of His project; 3. Therefore nothing that is a constitutional part of what is human can be lacking from the Church's mission, which thus has a political dimension too; 4. If the human aspect is not denied but brought to fulfillment, then whatever has been produced in the lives of peoples throughout history can only be the form assumed by the human in different contexts according to God's design: therefore there can be no mission without inculturation; 5. In the «human according to God», the religious factor occupies a unique niche; so in its mission the Church must dialogue with the religious traditions raised up by the Spirit throughout the course of the history of peoples, so as to understand God's plan and, at the same time, make it better understood; 6. The agent called to carry out mission is the Church in her various forms of expression, and in each of her members: among these, a special task is given to those to whom is ascribed the traditional term «missionaries». It is the responsibility of every Christian to take an active part in proclaiming the Gospel, in dialoguing with those who belong to other faiths and in liberating activity.

 

Fonte: AD GENTES 1 (1997) 2, pp. 133-173

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post